+39 334 8232628 

Via Ai Pini, 20 – 36034 Malo (VI)

Seguici sui social

News

Isolamento casa: quando scegliere l’insufflaggio e quando il cappotto

Da tempo siamo presenti nel settore dell’isolamento termico degli edifici e molte persone si sono affidate a noi per trovare la migliore soluzione per l’isolamento termico della propria casa.L’esperienza ci insegna che spesso chi ci contatta non ha ben chiare quali siano le soluzioni tecniche disponibili più adatte per l’isolamento termico e inoltre si trova anche a dover risolvere problemi di muffa e umidità in casa.Molte famiglie non sanno se scegliere di isolare mediante l’insufflaggio o mediante il cappotto termico, inoltre non conoscono i materiali presenti nel mercato.Abbiamo quindi scelto di scrivere alcune righe per spiegare quando sia meglio scegliere l’isolamento tramite insufflaggio e quando invece sia meglio adottare la soluzione del cappotto termico interno, presentando le soluzioni più adatte tramite l’utilizzo dei Sistemi Bioisolare S – C1 – C2.    Le Tecniche Insufflaggio: prevede di riempire gli spazi vuoti all’interno delle pareti perimetrali esterne, spazi che prendono il nome di intercapedini dei muri oppure di mettere uno strato di materiale isolante sopra il solaio del sottotetto. Cappotto: prevede l’applicazione di pannelli isolanti direttamente su una o più pareti interne dell’abitazione che poi verranno intonacati come solitamente le pareti domestiche. Meglio isolare con l’insufflaggio o con il cappotto interno? A priori non è possibile dare una risposta a tale domanda senza aver valutato le caratteristiche di un’abitazione, quindi la soluzione migliore sarà quella che più si addice alle caratteristiche fisiche della casa. Ad esempio, sarà possibile eseguire un insufflaggio solo se nei muri esterni siano presenti le intercapedini, caratteristica delle costruzioni realizzate a cavallo degli anni 40/80.Si potrà scegliere invece un cappotto interno in mancanza di intercapedini e in presenza, ad esempio, di importanti muffe.E’ importante precisare però che, al di là della scelta sulla tecnica, a fare veramente la differenza è il materiale utilizzato per isolare.Affidandosi a chi usa materiali di scarsa qualità si otterrà un risultato inefficiente sia che si scelga il cappotto, sia l’insufflaggio. Per questo il nostro consiglio è di usare materiali 100% naturali e traspiranti, molto più sicuri ed efficienti dei materiali commercializzati quali le fibre o i derivanti dal petrolio.Noi consigliamo la scelta Bio, il naturale al 100% Isolamento tramite insufflaggio, caratteristiche: Come già detto, l’isolamento termico tramite l’insufflaggio con il Sistema Bioisolare S1 prevede di posare uno strato di materiale sopra al solaio del sottotetto o il riempimento delle intercapedini, dove esse siano presenti.Le caratteristiche di tale intervento sono le seguenti: si realizza in un giorno senza aggiunta di opere murarie; non modifica gli spazi dell’abitazione in quanto sfrutta le intercapedini ed il sottotetto già presenti; ha un costo molto competitivo; rientra nella detrazione fiscale del 65% in quanto concorre alla riqualificazione energetica dell’edificio; Le particolari caratteristiche di isolare, la forma sferica, la ridotta dimensione, la traspirabilità, la resistenza al fuoco e la stabilità nel tempo, permettono al Sistema Bioisolare S1 di ottenere risultati di isolamento molto elevati raggiungendo ogni punto all’interno delle intercapedini murarie o del sottotetto riuscendo ad abbattere la maggior parte delle dispersioni dell’abitazione. Isolamento tramite cappotto interno, caratteristiche: La mancanza di intercapedini porta a preferire l’isolamento a cappotto interno, ma non solo per questo; sono molti i casi in cui questo tipo di intervento con Sistema Bioisolare C1 – C2 viene ugualmente scelto.In modo specifico per questi motivi: elimina i ponti termici, mantenendo la naturale traspirazione delle pareti; elimina definitivamente la muffa (grazie al ph molto elevato del materiale); riduce in modo impercettibile il volume interno degli ambienti poiché utilizza pannelli il cui spessore varia tra i 2,5/3 cm contro i 10/12 cm di spessore di quelli tradizionali; ha un costo inferiore rispetto al cappotto esterno; diversamente dal cappotto esterno, non comporta il rifacimento delle soglie di porte e finestre; rientra nella detrazione fiscale del 50% o 65%.

Isolamento casa: quando scegliere l’insufflaggio e quando il cappotto Leggi tutto »

Isolamento Alternativo alle Fibre

Se sei arrivato su questo articolo, molto probabilmente, anche tu come molti altri italiani, stavi cercando un’alternativa all’isolamento in fibra di cellulosa o in fibra di vetro.Siamo molto felici di dirti che l’alternativa più naturale, sicura e stabile alle fibre di cellulosa o di vetro oggi esiste. Si chiama “Sistema Bioisolare-S” e di seguito ti spiegheremo perché è la soluzione migliore all’isolamento con la cellulosa/vetro. Molte famiglie italiane vivono in case costruite tra gli anni ’60 e ’90, periodo in cui si costruiva principalmente con muri ad intercapedine vuota (o muri a cassetta) e sottotetto (spazio tra il tetto e il solaio di copertura) senza isolamento.Per questo motivo in Italia si è particolarmente diffusa la tecnica dell’isolamento per insufflaggio, che consiste nell’iniettare (insufflare) l’isolante proprio nell’intercapedine del muro oppure nel sottotetto.    Perché sempre più persone cercano un’alternativa alle fibre Di fatto sempre più persone, e probabilmente anche tu, stanno cercando una vera alternativa naturale alla fibra di cellulosa o di vetro per isolare la propria casa.Le fibre perdono consistenza nel tempo e si avrà un calo di spessore nell’arco di qualche anno;La fibra di cellulosa è ricavata dalla carta di giornale riciclata. La carta viene sminuzzata e miscelata con sali di boro o altri addettivi nocivi.Queste sostanze vengano aggiunti alla fibra di cellulosa per ridurne l’infiammabilità e per evitare che questa venga mangiata dai roditori.Il boro è un semimetallo e, se respirato, potrebbe causare danni all’apparato respiratorio. Soprattutto nel caso dei soggetti più a rischio, come anziani e bambini, o per chi soffre già di asma o problemi respiratori. Perché preferire il Sistema Bioisolare-S alle fibre. Ecco spiegato nel dettaglio perché Bioisolare-S è veramente un isolante naturale e perché è la migliore alternativa all’isolamento in fibra di cellulosa o di fibra di vetro. 1. 100% Naturale Il Sistema Bioisolare-S è l’isolante naturale ricavato dalla silice amorfa. Inerte per natura, non necessita di alcun additivo per renderlo ignifugo e antibatterico. Per questo motivo, Bioisolare-S non rappresenta alcuna controindicazione né per l’uomo né per l’ambiente, questo viene attestato e certificato dall’istituto tedesco per la Bioedilizia IBR di Rosenheim.Grazie alle caratteristiche appena citate, il Sistema Bioisolare-S utilizza un materiale che NON necessita di essere smaltito, a differenza delle fibre di cellulosa per isolamento che a causa dei trattamenti subiti risulta essere un “rifiuto speciale”. 2. 100% Sicuro Prima di riempire le intercapedini delle pareti di casa o dei sottotetti con un isolante, è bene informarsi bene sulle proprietà ignifughe di quest’ultimo. Il Sistema Bioisolare-S è ignifugo in classe A1: questo significa che non può assolutamente bruciare, in quanto è del tutto un’inerte. La fibra di cellulosa è invece in classe B2: poiché si tratta di carta, viene additivata con sostanze come i sali di boro o ammonio per renderla ignifuga. Tuttavia, raggiunge solo la classe B2, questo significa che anche se non fa fiamma, brucia consumandosi, un po’ come una sigaretta. 3. 100% Durevole Anche se viene raggiunto da acqua o umidità, Bioisolare-S non altera assolutamente le proprie caratteristiche. Al contrario, se le fibre si bagna o si inumidisce diventa poi una specie di poltiglia e perdono la proprietà di isolare. 4. 100% Stabile Isolando un edificio con il Sistema Bioisolare-S si ha la certezza che il risultato durerà nel tempo, anzi, per sempre. Una volta posato infatti resta stabile nel tempo, lo spessore di isolante applicato non si riduce, quindi il potere isolante. Addirittura, nel tempo, grazie al continuo passaggio di umidità, il materiale utilizzato dal Sistema Bioisolare-S si legano tra loro formando uno strato ancora più solido e compatto.Differentemente, le fibre negli anni tendono a collassare per effetto del proprio peso. Questo comporta uno schiacciamento dello strato isolante che, calando, inevitabilmente riduce anche il potere isolante. 5. 100% Riempitivo Ultima (ma non per importanza!!) tra le caratteristiche che rendono il Sistema Bioisolare-S l’isolante vincente è la sua capacità di riempire completamente le intercapedini e arrivare negli angoli più stretti del sottotetto.Grazie alla sua granulometria sottile e alla leggerezza delle perle, il Sistema Bioisolare-S è in grado di arrivare anche nei punti più stretti, riempendo al 100% ogni cavità e, in presenza di ostacoli, avvolgerli.Quando le fibre incontrano un ostacolo si forma un mucchietto di materiale, invece di spargersi in maniera omogenea su tutta la superficie.Questo aspetto è estremamente importante per la qualità dell’isolamento finale.

Isolamento Alternativo alle Fibre Leggi tutto »

Detrazioni Isolamento a Cappotto Interno

Scegliere di isolare la propria casa, o appartamento, con l’isolamento a cappotto interno o esterno permette di usufruire dell’Ecobonus, ossia delle detrazioni fiscali per il cappotto termico. Si tratta di agevolazioni economiche riservate a chi svolge degli interventi di miglioramento del risparmio energetico o ristrutturazione della propria abitazione.Le agevolazioni fiscali per l’isolamento a cappotto interno vengono definite dalla Legge di Bilancio. Lo sgravio fiscale attualmente attivo sulle spese di isolamento a cappotto termico, a seconda della tipologia dei lavori, è pari al 50 – 65 – 75%.Di seguito ti spiegheremo cosa prevede l’incentivo per il cappotto termico interno e come fare per ottenerlo. Sono confermate le detrazioni fiscali per isolamento a cappotto per l’anno 2020<    Perché scegliere il cappotto interno. Un cappotto posto all’interno di un ambiente sicuramente riduce il costo di realizzo complessivo in quanto le superfici sono nettamente inferiori rispetto a quelle esterne, i tempi di realizzazione sono molto più brevi e non necessitano di costi aggiuntivi quali impalcatura, allungamento soglie ecc…Per avere un ambiente sano e confortevole è necessario utilizzare materiali naturali, traspiranti senza additivi nocivi. Detrazioni fiscali e isolamento a cappotto interno: si risparmia veramente? La risposta è assolutamente Sì.Eseguendo un intervento di isolamento con cappotto termico interno si ottengono due vantaggi contemporanei, sui consumi e sulla spesa.Questo significa che le bollette per il riscaldamento e il raffreddamento della casa caleranno notevolmente. Oltre a questo risparmio, poi, si aggiunge anche quello della detrazione fiscale, che permette di tagliare il costo dell’intervento (appunto) del 50%- 65%. Detrazioni fiscali per isolamento a cappotto: come funziona. Quando si parla di incentivo del 50-65% per la realizzazione del cappotto termico interno, questo potrebbe far pensare che ci sia uno sconto immediato del 50 % o 65% sul costo del cappotto termico. In realtà non è esattamente così, l’importo viene restituito tramite uno sconto su IRPEF (Imposta Reddito Persone Fisiche) o IRES (Imposta Reddito Società) nell’arco di 10 anni, ripartendo la cifra totale in dieci quote di pari importo. Detrazioni fiscali cappotto termico: quali spese si possono detrarre. La legge attualmente in vigore permette di ottenere una detrazione del 65% per i lavori eseguiti fino ad un limite massimo di 60.000€. Le voci di spesa detraibili sono le seguenti: fornitura dei materiali; eventuali interventi di demolizione e ricostruzione del rivestimento esterno; posa in opera del sistema di isolamento; costi e oneri per la redazione della documentazione tecnica legata all’intervento stesso. Detrazioni fiscali per isolamento a cappotto: come ottenerle. Per poter usufruire delle detrazioni è necessario conservare, o produrre appositamente, una serie di documenti da inviare all’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA), per alcuni di questi documenti è necessario l’intervento di un tecnico abilitato.Ecco i documenti tecnici da conservare: APE (Attestato di Prestazione Energetica) dell’immobile; attestato di rispetto dei requisiti tecnici prodotto dal tecnico abilitato (e copia di questo); copia originale firmata della scheda descrittiva dell’intervento; schede tecniche dei materiali utilizzati per la realizzazione del cappotto termico; pratica edilizia se necessaria. Inoltre, è necessario conservare i documenti che attestano le spese sostenute: Fatture degli interventi eseguiti; Ricevute dei bonifici attestanti il pagamento; tutti i pagamenti vanno eseguiti tramite bonifico bancario o postale così da essere tracciabili. A tal fine, è bene compilare correttamente la causale bonifico indicando le seguenti voci: legge finanziaria di riferimento; data e numero fattura; CF o P. IVA ordinante bonifico; P.IVA beneficiario bonifico. Tutta la documentazione indicata va inviata ad ENEA. Al momento dell’invio viene emessa una ricevuta che attesta la trasmissione ufficiale dei documenti, assieme ad un codice identificativo (CPID), importante conservare anche questa ricevuta.

Detrazioni Isolamento a Cappotto Interno Leggi tutto »

Fiera Trento Idee Casa Unica

ABBIAMO UN REGALO PER TE! UN BIGLIETTO OMAGGIO per venirci a trovare alla fiera di Trento “IDEE CASA UNICA” 8-9-10 novembre 2019 dove capirai come superare l’inverno al caldo e che con noi isolare è diverso. Compila il form sottostante e riceverai immediatamente il tuo biglietto omaggio. Ti aspettiamo allo stand n. 95 dove i nostri tecnici potranno illustrarti le diverse soluzioni. Partecipa alla conferenza del prof. Stefano Zanchetta – Università IUAV di Venezia Venerdì 8 ore 17.00 o Sabato 9 ore 14.00 “Come scegliere un buon isolante per la riqualificazione energetica degli edifici” Non farti sfuggire questa occasione, per scegliere è necessario toccare con mano le soluzioni! Con noi, questo è possibile. Ti aspettiamo  Compila il Form Fornisco il mio consenso al trattamento dei dati personali secondo il Regolamento Europeo sul trattamento dei dati personali (GDPR – Reg. U.E. 679/16). Desidero iscrivermi alla Newsletter per ricevere aggiornamenti sulle novità del nostro settore.

Fiera Trento Idee Casa Unica Leggi tutto »

Come liberarsi dalla Muffa

Come liberarsi dalla Muffa: La presenza di muffa in casa è dannosa per la salute di chi la abita. Liberarsi definitivamente della muffa presente sulle pareti non è solo una questione estetica ma, ancor di più, un intervento fondamentale per la salute.Ecco i principali effetti collaterali dovuti alla presenza di muffa sulle pareti, e il nostro miglior metodo per liberarsi di questo sgradevole e dannoso inconveniente. Rischi dovuti alla presenza di muffa sulle pareti. In molti pensano che la presenza di muffa sui muri sia puramente un problema estetico. Non è così, se c’è muffa sulle pareti, questa si volatilizza anche nell’aria, e noi finiamo per respirarla, con i conseguenti danni.Ecco i danni che la muffa può provocare alla salute di chi la respira giorno e notte. Tossicità: le spore della muffa rilasciano delle pericolose tossine che sono dannose per la salute di chi la respira. L’aria all’interno di una casa dove è presente della muffa è contaminata da sostanze chimiche che sono anche percepibili all’olfatto, tramite il tipico odore di muffa. Alcune muffe sono particolarmente pericolose per la salute umana. Cancerogenicità: così come molti funghi sono velenosi per l’uomo, anche la muffa lo può essere. Alcune muffe possono essere così pericolose da risultare cancerogene. L’alto rischio è dovuto soprattutto all’esposizione continua alle spore che si ha respirando l’aria contaminata dalla presenza di muffa. Effetti della muffa sulla nostra salute: Gli effetti collaterali che la presenza di muffa in casa può comportare sulla nostra salute possono essere di tipo passeggero, risolvibili cessando l’esposizione all’agente stesso, esposizioni prolungate invece possono portare ad effetti di tipo cronico. Effetti passeggeri: sono gli effetti che insorgono dopo una esposizione più breve, questi si risolvono eliminando al più presto la presenza delle spore in modo da cessare subito l’esposizione. I sintomi sono: irritazione/rossore agli occhi e lacrimazione; irritazioni delle vie nasali; irritazione delle vie respiratorie; tosse; dolori muscolari; febbre; irritazioni cutanee e prurito; Effetti cronici: se non si interviene in tempo e si ignora la presenza di muffa, dagli effetti passeggeri si può arrivare a delle patologie croniche che non sono più risolvibili cessando l’esposizione alle spore, ma andranno trattate per via medica (cosa che esime dalle nostre capacità). Le principali manifestazioni sono: asma e infezioni croniche delle vie respiratorie; polmonite; riniti; insorgenza di allergie Prevenire la muffa e liberarsi della muffa: La muffa non è una semplice macchia sul muro e non basta pulirla rimuovendo la macchia scura per essersene liberati. La muffa è un fungo, ossia qualcosa di vivente, anche se pulita dalla superficie, continuerà a riformarsi attraverso le spore presenti all’interno della parete. Ti è già capitato di illuderti di essertene liberato, ma dopo un po’ la muffa è tornata, vero? Ecco di seguito la soluzione definitiva. Come liberarsi dalla muffa definitivamente. Finora, cercando metodi per rimuovere definitivamente la muffa ne avevi incontrati solo di due tipi. Quelli naturali, che quasi sempre hanno effetti molto scarsi e non sufficienti; quelli chimici, che porteranno anche dei risultati, ma vale la pena di combattere qualcosa di tossico usando dei prodotti altrettanto, se non ancora più tossici?Bioisolare è riconosciuto nel mercato proprio per aver trovato la soluzione definitiva, un prodotto 100% biologico che però offre risultati definitivi contro la muffa.Le nostre soluzioni contro la muffa sono di due tipi, entrambe possono essere applicate sia all’esterno che all’interno, e possono essere messe in posa singolarmente o assieme, per ottenere il massimo vantaggio possibile.Il pannello deumidificante antimuffa è una sorta di cappotto per esterni o interni. Realizzato in silicato di calcio, viene applicato alla parete con uno spessore dai 5 ai 20cm, permette di risanarla completamente dalla presenza di muffa, impedendone la successiva formazione.Il rasante antimuffa è un intonaco che unisce all’effetto antimuffa anche un beneficio di leggero isolamento della parete. Ideale sia per la finitura di facciate esterne che per l’applicazione su pareti interne, con uno spessore applicato di 2-4mm, garantisce una spiccata azione antimuffa mantenendo la traspirabilità muraria. Come prevenire la formazione di muffa. Come già detto, se la muffa si è già formata, l’unica soluzione è intervenire con pannelli e/o rasante, è importante però mantenere delle abitudini che evitino la formazione della muffa. Ecco le buone abitudini per evitare di avere muffa in casa: arieggiare: la muffa si forma più facilmente se l’aria ristagna. Consigliamo di arieggiare almeno 5-10 minuti al giorno. Quando possibile, aprire due finestre opposte per creare la corrente che permette maggiore circolazione d’aria; asciugare: dopo essersi fatti la doccia, se non si può lasciare arieggiare il bagno, è bene asciugare i punti dove si è formata maggiore condensa. Stendere il tappetino della doccia all’esterno; illuminare: la muffa teme la luce e prolifera maggiormente al buio. Lasciar entrare più luce naturale possibile nelle stanze, soprattutto quelle a maggior rischio muffa, aiuta notevolmente a combatterla; non arieggiare: quando fuori è presente una forte umidità o durante una pioggia è meglio non arieggiare in quanto si permetterebbe all’umidità di entrare in casa; controllare: che non ci siano infiltrazioni d’acqua, soprattutto dagli infissi, dopo le piogge più forti. In presenza di acqua, conviene asciugarla subito; aspirare: i vapori di cottura accendendo la cappa quando si cucina; staccare: i mobili dalle pareti. Appoggiandoli al muro si formerà muffa esattamente dietro a questi, soprattutto se si tratta di pareti perimetrali; annaffiare: senza eccesso le piante interne, evitando che si formino ristagni d’acqua nei sottovasi. In caso di ristagni, procedere ad asciugarli o svuotarli; stendere: la biancheria in stanze arieggiate, possibilmente meno soggette a muffa. Non asciugare i panni sopra ai termosifoni, questo causerebbe una forte presenza di umidità nell’aria; regolare: la temperatura di casa in modo che la differenza di temperatura tra le stanze non superi i 3°C. Forti sbalzi termici favoriscono la formazione di condensa, che causa poi muffa. Abbiamo quindi appurato che la presenza di muffa alle pareti è particolarmente dannosa per la nostra salute. Meglio non ignorarla fingendo che ci sia, intervenire al più presto con le nostre soluzioni antimuffa è importante per la salute. In ogni caso, seguire più possibile i nostri consigli per evitare la sgradevole muffa e per mantenere un ambiente più salubre.   Richiedi un sopralluogo gratuito di un nostro Esperto: Cell. 334 8232628 – Tel. 0445 581002

Come liberarsi dalla Muffa Leggi tutto »

Come Isolare il tetto per risparmiare e vivere meglio?

Come Isolare il tetto. Il tetto di una casa è forse l’elemento più importante in termini di isolamento, non solo questo ripara da pioggia e intemperie, ma svolge un importante ruolo di isolamento termico, sia nel mantenere il calore d’inverno, sia il fresco d’estate.In assenza di una coibentazione, in inverno il calore prodotto dal riscaldamento tenderà ad uscire dalla casa e in estate sarà invece il calore esterno ad entrare in casa, trasformandola in quello che comunemente definiamo un “forno”.Molti credono, erroneamente, che l’unica soluzione sia quella di rifare il tetto, con costi elevati e lavori invasivi. Sbagliato! Risolvere il problema di un tetto non isolato non è difficile, grazie ai nostri sistemi l’isolamento avviene in un solo giorno, senza cantieri che creano problemi e sporco in casa, ad un costo estremamente rispetto al rifacimento del tetto. Cosa significa coibentazione del tetto? La coibentazione è quel processo che prevede di impedire il passaggio di calore da un ambiente ad un altro. Tramite l’applicazione di un materiale isolante è possibile bloccare il flusso termico (e anche in parte quello acustico) tra due ambienti a temperatura diversa.L’applicazione di uno strato di isolante nel sottotetto serve proprio ad impedire il passaggio del calore tra l’abitazione e l’ambiente esterno, ottenendo un doppio vantaggio: in inverno: impedisce al calore prodotto dal sistema di riscaldamento domestico di fuoriuscire dall’abitazione, mantenendo una temperatura interna più alta; in estate: impedisce al calore esterno di penetrare nell’abitazione attraverso la copertura, preservando una temperatura interna inferiore e riducendo la necessità di utilizzo di sistemi di raffrescamento. Uno dei grandi vantaggi del nostro sistema sta nel fatto che, appunto, non è necessario rifare completamente il tetto per ottenere un’isolamento migliore, basta iniettare un ottimo isolante nel tetto esistente per migliorare la coibentazione. La salute ringrazia, il portafoglio ringrazia! Scelta del Materiale Naturale per l’isolamento del tetto Il nostro isolante è un prodotto di ultima generazione, ad alto potere isolante e completamente Naturale e certificato per la Bioedilizia.Nel mercato attuale sono presenti diversi tipi di materiali per l’isolamento del sottotetto. Molti di questi sono ormai nettamente sconvenienti per il cliente, perché prevedono lavorazioni lunghe e complesse per la loro applicazione. Nessuno ha piacere di tenere aperto un cantiere in casa per diversi giorni, sia per il disagio che crea, sia per il notevole costo che genera. Quale intervento scegliere a seconda del tipo di tetto Oltre che per le caratteristiche di isolamento e di sostenibilità, il nostro isolante è conveniente perché può essere applicato fondamentalmente su qualsiasi tipologia di copertura esistente. Nel caso in cui sia presente un sottotetto calpestabile, l’operatore potrà procedere depositando uno strato di isolante in questo ambiente. Nel caso in cui il sottotetto sia invece completamente chiuso, si procederà a praticare dei fori dall’interno per iniettare l’isolante, i fori verranno successivamente chiusi e tutto tornerà alle condizioni estetiche iniziali. Se la tua casa è calda e umida d’estate, se d’inverno spendi troppo in riscaldamento per avere comunque una casa fredda e un ambiente poco piacevole, contattaci per un sopralluogo e per ottenere i nostri consigli. Scegli il nostro intervento rapido, conveniente ed efficiente.  Contattaci per Informazioni o un Preventivo

Come Isolare il tetto per risparmiare e vivere meglio? Leggi tutto »

Isolamento Termico Casa

Bioisolare è l’innovativa azienda di Malo, Vicenza, che opera in tutti i campi dell’Isolamento Termico di Casa, condomini e più in generale di tutti gli edifici utilizzando materiali Naturali altamente isolanti e certificati anche in Bioedilizia. Bioisolare si occupa direttamente di Isolamento Termico a Vicenza, in Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. Mentre nel resto d’Italia attraverso una reti di Installatori Bioisolare Qualificati. Di seguito una panoramica dei servizi di isolamento più apprezzati dai clienti.  Contattaci per Informazioni o un Preventivo Isolamento di sottotetto e intercapedini tramite insufflaggio Questo trattamento permette di ottenere un isolamento perfetto per la propria abitazione in una sola giornata. Gli operatori specializzati si occupano di depositare il materiale altamente isolante naturale e certificato anche in Bioedilizia sul fondo del sottotetto e/o all’interno delle intercapedini dei muri.In questo modo, con un intervento rapido e economicamente conveniente, si ha un notevole aumento della coibentazione della casa, con conseguente risparmio in bolletta.Quello dell’insufflaggio è uno dei più richiesti tra gli interventi per l’isolamento termico della casa. Isolamento termico cappotto con funzione antimuffa Altro intervento di isolamento particolarmente richiesto è quello dell’applicazione del cosiddetto “cappotto” termico, ovvero l’installazione di pannelli termoisolanti che fanno da scudo alla fuoriuscita di calore dalla casa.A seconda dei casi, l’azienda si occupa di installazione di cappotto esterno o cappotto interno. I pannelli applicati sono costituiti da silicato di calcio e, oltre ad avere un incredibile capacità isolante, sono certificati anche in Bioedilizia. Caratteristica da non sottovalutare trattandosi di un materiale che andiamo a applicare all’interno delle nostre case. Rasante antimuffa e isolante Applicabile sia assieme ai trattamenti precedentemente esposti, sia da solo, il rasante antimuffa è l’ideale per risanare murature rovinate da muffa o umidità in generale.Viene applicato sia su pareti interne che esterne, così come un intonaco, con una o più mani in base allo spessore desiderato. Il rasante ha proprietà antimuffa e di isolamento termico. Permette di isolare termicamente l’edificio senza ridurre la traspirabilità. Vernice termoriflettente Adatta sia per interni che esterni, Bioisolare offre una gamma di pitture termoisolanti, termoriflettenti e con effetto antimuffa. Si tratta di vernici che, grazie ad una particolare nanotecnologia, sono in grado di riflettere il calore, ecco che quindi l’applicazione sulle pareti interne permette di mantenere il caldo all’interno dll’abitazione durante l’inverno, altrettanto l’applicazione esterna riflette il calore solare durante l’estate impedendo a quest’ultimo di entrare in casa. Alcuni esempi di realizzazioni di isolamento termico a Vicenza e in Veneto. Di seguito vengono riportati alcuni esempi reali di interventi da noi eseguiti, cliccando sull’immagine è possibile leggere maggiori dettagli sul lavoro svolto.  Cappottino termico Deumidificante per Interni con Sistema Bioisolare C2 Cappotto termico per Esterni ed Interni con Sistema Bioisolare C1 Rasante Antimuffa con Sistema Bioisolare R2 Isolamento termico sottotetti Non Praticabili con Sistema Bioisolare S1 Isolamento termico sottotetti Praticabili con Sistema Bioisolare S1 Isolamento termico di Intercapedini con Sistema Bioisolare S1 Contattaci per Informazioni o un Preventivo

Isolamento Termico Casa Leggi tutto »

Torna in alto